Treviso. Al casinò si gioca villa e gioielli, perde e la moglie lo sbatte fuori di casa

Treviso. Al casinò si gioca villa e gioielli, perde e la moglie lo sbatte fuori di casa

Treviso. Al casinò si gioca villa e gioielli, perde e la moglie lo sbatte fuori di casa

VICENZA – Nella lotta ai finti poveri e ai “furbetti degli affitti in nero” la Guardia di Finanza di Vicenza ha esaminato le posizioni fiscali di 73 persone per i quali sono stati rilevati redditi “nascosti”, per oltre 5 milioni di euro. Sono state tutte segnalate all’Agenzia delle Entrate. Il caso più clamoroso è stato scoperto ad Asiago.

Finti poveri con case, auto di lusso e azioni. Quattro famiglie, composte da marito e moglie, con dichiarazioni annue comprese tra i 10 e i 30 mila euro, risultavano essere proprietarie di immobili, beni di lusso e partecipazioni societarie. In un caso il reddito presunto è di oltre 370.000 euro, più di dieci volte quanto dichiarato. Due residenti a Sossano, che possedevano vari beni di lusso (appartamenti, cavalli, vetture, moto e un immobile di pregio) avevano dichiarato, ciascuno negli ultimi anni un reddito medio inferiore ai cinquemila euro, mentre il reddito presunto è risultato sempre oltre i 90mila e fino ai 156.000 euro.

Ad Asiago affitti facili per un proprietario di 40 case. Sul fronte degli affitti in nero, soprattutto nella zona dell’Altopiano di Asiago, a fronte di 28 controlli effettuati, ben 22 sono state le irregolarità riscontrate; circa 170.000 euro la somma recuperare. Sette le persone riconosciute responsabili di violazioni in materia di evasione dell’imposta di registro. Tra questi ultimi spicca un “facoltoso” proprietario di 40 immobili (per alcuni dei quali era comproprietario) in 18 dei quali ospitava e tuttora ospita persone in affitto, anche turisti, sia italiani che stranieri e senza regolari contratti, sottraendo ad imposizione fiscale complessivamente 140.000 euro.

Vende case e dimentica di dichiarare i redditi. Un agente immobiliare di Noventa Vicentina, che non aveva mai presentato una dichiarazione fiscale, è stato scoperto intestatario di una Audi A6: è stato così segnalato al Fisco per omessa dichiarazione di circa centomila euro e dell’Iva per circa 20.000. A un thienese che aveva dichiarato solo “redditi agricoli” per 1.100 euro e che, sulla base dei beni posseduti, dichiarava 32.000 euro, attraverso la verifica fiscale è stato accertato guadagnare 84.000 euro all’anno.

Venerdì 23 Marzo 2012 – 10:16 Ultimo aggiornamento: Sabato 24 Marzo – 09:02

Enter your keyword