Le tradizioni si esaltano nel settembre di Piobbico

Le tradizioni si esaltano nel settembre di Piobbico

Le tradizioni si esaltano nel settembre di Piobbico

L’8 diSettembre si apre una settimana molto intensa per il paese. Scopriamo i significati della tradizione

Sono ben tre gli avvenimenti che trascineranno i visitatori nella storia, nelle tradizioni e nel divertimento. Dalla “Processione delle Rocche” all’elezione del Club dei Brutti pasando per la “Sagra del Polentone alla Carbonara…

A Settembre è assolutamente vietato rilassarsi e tornare al tran-tran quotidiano senza essere almeno andati a Piobbico a vivere le svariete emozioni che il paese offre. Dall’8 al 13 siamo tutti invitati alla elezione dei club dei Brutti, alla centenaria “Sagra del Polentone alla Carbonaia”, alla spensierata “Festa del Vino”. Proposte dunque che hanno come filo conduttore sia la tradizione, intesa come storia popolare, gastronomia e abitudini, sia la tendenza goliardica dei paesani.

La “Processione delle Rocche”: il significato

La manifestazione è una espressione folkloristica che nasce da una leggenda. Si racconta che dei pastori trovarono una effigie della Madonna sul Monte Nerone e la portarono alla Rocca del Borgo, mentre sul luogo del ritrovamento venne fondato un Santuario. Anche oggi, delle ragazze vestite in abiti d’epoca, portano un bastone di canna (con un ciuffo di canapa o lana variopinto), alla Vergine del Santuario di S.Maria in Val d’Abisso.

La “Sagra del Polentone”: un po’ di storia

Incredibilmente, questa manifestazione popolare è giunta alla 510° edizione, ciò significa che l’evento si tramanda da cinque secoli, con lo stesso entusiasmo di coinvolgimento popolare. Molti anni fa, i carbonari salivano sui monti per il taglio del bosco, e all’ora di pranzo veniva appeso un caldaio ad un trespolo nel quale si faceva cuocere della polenta. Quindi l’impasto, una volta denso, veniva rovesciato e tagliato con uno spago. Successivamente le fette formate venivano riposte nel caldaio e insaporite con pecorino. Tutti si servivano direttamente nel grande contenitore.

L’elezione del Presidente del Club dei Brutti: tra storia e mondanità

Questa occasione è diventato l’evento mondano piú famoso del Montefeltro. Probabilmente in pochi conoscono l’origine del Club. E’ stata abitudine dei paesani darsi appuntamento per una cena al sacco ai margini di una freschissima sorgente a due passi dal centro cittadino. Tra canti e lazzi veniva scherzosamente eletto il “Presidente dei Brutti” con il compito di dare un marito alle nubili tardone del paese. avrebbero scommesso anni orsono sulla popolarità che un gruppo di arzilli “scarrafone” potessero assumere. Dal 1979 si contituisce l’Associazione Nazionale dei Brutti con lo slogan: “La bruttezza è na virtú, la bellezza na schiavitú”.

Per saperne di piú: la gastronomia della zona

I piatti tipici si sono formati e consolidati nel tempo per l’intervento di fattori sociali e ambientali. La componente cerealicola-vegetale deriva dalla tradizione romana, la componente carnea dall’influsso germanico, ad esempio. Tra le tante pietanze ricordiamo il cotechino con le lenticchie, i vincisgrassi, i primi piatti confezionati con con la pasta all’uovo fatta in casa.

Per ulteriori informazioni: [email protected] e Pro-Loco di Piobbico al numero 339/2283485

altre info Sistema Turistico Locale Urbino e il Montefeltro, Via Puccinotti 33 61029 Urbino (PU) tel: 0722/320437

Redazione Portale STL “Urbino e il Montefeltro” tel: 0721/415141 e-mail: [email protected]

Per la tua Pubblicità sul Network del Montefeltro scrivi a: [email protected]

Redazione del Portale Turistico del Montefeltro©

E’ fatto espresso divieto di riprodurre, pubblicare o distribuire materiali tratti dal presente sito, senza citare la fonte.

Enter your keyword