Grande paura nella Bassa

Grande paura nella Bassa

Grande paura nella Bassa

gen

Sono le 9.06 ora italiana: molti sono già in ufficio, altri sono a casa, i bambini e i ragazzi a scuola. La terra trema in tutta la pianura padana, ma l’epicentro è proprio qui sul nostro territorio. I sismografi dell’istituto nazionale di geofisica registrano un terremoto di magnitudo 4.9 sulla scala Richter con epicentro nella Bassa reggiana ai confini con le province di Parma e Mantova. La scossa, registrata a grande profondità (33,2 chilometri), viene avvertita in particolare nei comuni di Boretto, Brescello, Campegine, Castelnovo Sotto, Gattatico e Poviglio, dove viene individuato l’epicentro. La prima reazione di presidi e insegnanti nelle scuole è di far uscire tutti gli alunni, per precauzione. Anche molti edifici pubblici vengono evacuati.

In città la scossa viene avvertita distintamente. Studenti e docenti che stavano partecipando a un incontro nella biblioteca Panizzi di Reggio scendono in strada in via Farini. Molta paura tra le persone anziane, che erano sole in casa. Subito dopo la scossa la rete di telefonia mobile è rimasta bloccata per diversi minuti e questo ha preoccupato chi non risusciva a contattare i propri cari.

Prefettura, Comune di Reggio, Provincia e forze dell’ordine si sono riuniti in mattinata per fare il punto della situazione: non si registrano danni gravi a persone o edifici. I vigili del fuoco e i carabinieri sono comunque impeganti per controlli straordinari sul territorio, in alcune zone infatti sono caduti calcinacci dai vecchi stabili. Per precauzione il sindaco di Cartelnovo Sotto ha deciso di mandare gli studenti a casa e chiudere le scuole per permettere i controlli. Sospese le attività pomeridiane anche a Boretto e Bagno. A Brescello sono state transennate due chiese (foto).

Alle 9.24 si è verificata una seconda scossa di terremoto, più lieve, di magnitudo 2.3, a una profondità di 25,7 chilometri. Nella notte, uno sciame sismico aveva interessato le prealpi venete con epicentro a meno di 10 chilometri da Verona: sei le scosse che si sono registrate tra le 20,41 di ieri e le 8,26 di questa mattina. Ma gli esperti sostengono che non ci sia nessun collegamento tra i due episodi sismici.

di Giulia Gualtieri

Related Posts

Enter your keyword